Orgoglio Rossoblucerchiato
ORGOGLIO ROSSOBLUCERCHIATO: Genoa-Napoli, Roma-Sampdoria.
novembre 13, 2018
Coppa Italia cop.
Coppa Italia Samp & Genoa: bene ma non benissimo!
dicembre 7, 2018

Orgoglio Azzurro

ORGOGLIO AZZURRO

Milano, San Siro. Stadio Giuseppe Meazza, poco più di un anno dopo la disfatta Mondiale con la Svezia. Italia-Portogallo. Risultato finale? 0-0, esattamente identico. Copione della partita? Tale quale, con l’Italia che per 90’ ha cercato il gol senza riuscire a trovarlo.

Questa volta, però, niente drammi: le due partite avevano un’importanza decisamente diversa e la Nazionale ha cambiato: dirigenti, allenatore, giocatori e molto altro. Sta vivendo un percorso di trasformazione e cambiamento che sta portando a buoni risultati. Orgoglio Azzurro

Nella prima frazione si è visto il prosieguo dell’ultima gara contro la Polonia: bel gioco, possesso palla schiacciante, occasioni da rete importanti, oltre alla solita ottima retroguardia, anche se quella non è una novità dell’era Mancini. Il problema, piuttosto, è sempre il solito: il gol. Gli Azzurri nelle ultime 10 partite hanno trovato la rete soltanto in 8 occasioni. Numeri da brividi, considerando anche che gli avversari di questi 10 incontri erano, alcuni casi a parte, tutt’altro che fuori portata. Manca un attaccante che segni, un vero 9 che capitalizzi la grande quantità di gioco creata. Ciro Immobile, cannoniere con numeri pazzeschi nella sua Lazio, in Nazionale si trasforma e sbaglia occasioni che in maglia bianco-celeste mai fallirebbe. Belotti, nemmeno convocato, sta vivendo un brutto periodo, sia con l’Italia che col Torino. Balotelli non è evidentemente l’uomo giusto per risollevare la Nazionale, così come Lasagna, bomber più di provincia che da grandi occasioni. Orgoglio AzzurroL’unico in grado di accendere la luce davanti è Lorenzo Insigne, anche se di “numero 9” per definizione ha molto poco. C’è da dire, però, che con la gestione Ancelotti al Napoli “il magnifico” illumina da seconda punta, molto più che da esterno come ai tempi di Sarri. 

Allora, in attesa del bomber, godiamoci un centrocampo con un potenziale da big europea e mondiale: Barella è sempre più leader, nel Cagliari e in azzurro; Jorginho detta i tempi di gioco come nessuno, Verratti sembra essere rinato con la cura Mancini, mentre Pellegrini, nella nuova posizione trovatagli da Di Francesco, ha trovato la definitiva maturità, così come Chiesa.

Le riprese in campo del Genoa CFC sono a cura di Marco Bertani di LM Studios e un grazie particolare va  a Genovarent S.r.l. che si occupa sempre  dei trasferimenti in pullman dei dirigenti e dei giocatori  di tutte le squadre di calcio ospitate a Genova  che hanno scelto di viaggiare in sicurezza con loro!

Per saperne di più:   Genoa CFC      U.C. Sampdoria

LM Studios        Genovarent S.r.l. 

Antenna Blu

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.