agnello in fricassea copertina
Agnello in fricassea con carciofi
aprile 18, 2019
pasta incasciata copertina
Pasta N’casciata alla “moda” di Montalbano
maggio 2, 2019

Paese che vai, cucina che trovi: come si mangia in… Ungheria?

Come si mangia in… UNGHERIA?

Amici e amiche di Mariangela Guido Blog, oggi mi travesto da Food Blogger e vi do il benvenuto alla seconda puntata di “Come si mangia in…”

Ovviamente, di Food Blogger ho ben poco, ma proverò a darvi qualche consiglio sui piatti tipici dell’Ungheria, dove sono stato di recente con la mia fidanzata.

Dal momento che entrambi siamo amanti della buona cucina, ci siamo fatti consigliare da amici alcuni locali in cui gustare le “specialità della casa”. In realtà, non mi sento di consigliarvi un ristorante ben preciso: ci siamo trovati sempre bene, sia per quanto riguarda il prezzo (15/20€ a testa massimo), sia per quanto riguarda il cibo vero e proprio.

Prima di incominciare a dirvi cosa mi è piaciuto e cosa meno, un consiglio prezioso: occhio alle porzioni! Sono ALLUCINANTI, un piatto unico (il cosiddetto “main dish”) è più che sufficiente, magari con un dolce, a riempirvi la panza!

La pasta

Alt, non intendo gli spaghetti, quelli fuori dall’Italia è meglio non mangiarli. Mi riferisco ai tipici gnocchi ungheresi, che ho assaggiato serviti con formaggio di capra e pancetta: non proprio “estivi”, ma buonissimi! Consigliati, ma, se andate nella bella stagione, non a pranzo: il clima molto caldo potrebbe farveli rimanere sullo stomaco.

La carne

Consigliatissima! La cucina ungherese è specializzata nei piatti di carne, serviti con abbondanti contorni di patate e verdure, che rendono i piatti vivaci e colorati. Assolutamente da provare la coscia d’anatra (più morbida del petto) e lo stinco di maiale (di dimensioni veramente esagerate). NON prendete il Gulash! È molto buono, ma mangiarlo (o meglio, berlo, perché il gulash ungherese è, di fatto un brodo) in primavera è una vera agonia: per finirlo ho sudato sette camicie!

La birra

La birra ungherese è molto beverina, senza aromi particolari: molto diffuse le Pilsner e la birra più comunemente servita nei ristoranti è la Dreher. Comunque, ci sono molti pub (tra cui i Ruin Pub, locali ricavati da case dismesse) che hanno nei propri frigoriferi birre provenienti da tutto il mondo.

Occhio al prezzo: la birra costa pochissimo, il che potrebbe indurvi a berne un po’ troppa e gonfiarvi come delle zampogne.

E voi siete stati in Ungheria? Vi piace la cucina magiara? Personalmente, l’ho trovata deliziosa per quanto riguarda gli aromi e i sapori, ma decisamente pesante. Meno male che i fiumi di birra hanno aiutato a digerire il tutto…

Ditemi la vostra nei commenti! Ciao amici e amiche, e buon appetito ovunque voi siate!

A cura di Tommaso Imperato 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.