Una collaborazione
Una collaborazione “saporita”!!!
gennaio 20, 2021
il sorriso copertina
Il sorriso di chi vuole andare avanti
gennaio 21, 2021

Baccalà “freddo” alla eoliana

1 Ingredienti per 4 persone

  • 700 gr.di baccala già bagnato
  • 150 gr.di pomodorini secchi
  • 20 capperi con fiore (da aperitivo)

  • 20-30 olive taggiasche
  • mezzo spicchio d’aglio (se piace) olio evo qb
  • 10-20 mandorle qualità “pizzuta”


2 Tempo di preparazione: 30 min.

3 Tempo di cottura:  15 min. e altri 15 dopo l’aggiunta degli ingredienti

4 Procedimento:

Il baccalà è ricco in vitamine B, che concorrono al metabolismo di grassi e proteine, è facile da preparare e il risultato è sempre un successo. E’ una ricetta che ho rivisitato personalmente unendo ad un ingrediente tipico della tradizione genovese sapori siciliani come i pomodorini, i capperi e la cosiddetta mandorla pizzuta di Avola, che mi riporta un po’ all’idea di vacanza in questo periodo di lockdown.

Comperate il baccalà già bagnato dalla vostra pescheria di fiducia. Consigliano di farlo cuocere con la pelle perché conferisce cremosità e si toglie più facilmente dopo la cottura. Lavatelo bene sotto acqua corrente.

Tagliatelo a filetti di media grandezza e ponetelo in pentola con poca acqua fredda a coprirlo, io evito il sale per esempio, essendo già saporito. Cuocete per sul per 15 minuti, con coperchio. Questo tipo di cottura, simile al vapore, lo rende morbidissimo.

Scolatelo, appena tiepido, consiglio di spezzare a mano i filetti e scomporli delicatamente eliminando le poche spine presenti e poneteli dentro ad una pentola con i bordi bassi, aggiungere i pomodorini tagliati a pezzetti, aggiungere 3 cucchiai di olio, l’aglio, lasciatelo cuocere a fuoco lento per 15 minuti e spegnere.

Una volta arrivato a temperatura ambiente aggiungere olio q.b. i fiori di capperi, le olive. Le mandorle saranno aggiunte prima di presentare il piatto quasi come decorazione. Si può lasciare riposare il tutto sigillato dalla pellicola trasparente per evitare l’odore particolare che sprigiona, che può non piacere a tutti e aprire poco prima di servirlo. E’ superlativo freddo, come antipasto oppure tiepido come seconda portata.

A cura di:

Alessandra Lozzi

Per baccalà super Vi consiglio: Pescheria Fede & Manu