Kabbalah – Primi passi per conoscerla e comprenderla
marzo 12, 2017
MYA SPA: “un’oasi di benessere in città”
marzo 25, 2017

Profumo che passione!

profumo copertina

In questa chiacchierata approfondiamo qualche argomento per sfatare alcuni dei principali luoghi comuni sul profumo…

Non esistono più i profumi di un tempo e i profumi non hanno persistenza. 

Dobbiamo considerare che, al di là della nascita e del primo utilizzo del profumo con gli egiziani, che bruciavano gli incensi per profumare con le essenze gli ambienti come offerte per gli Dei, nell’arco del ‘900 il consumo del profumo era assolutamente aristocratico o quantomeno oligarchico. Apparteneva quindi a un settore molto ristretto della società e venivano utilizzate le essenze: gli effluvi erano perciò molto forti.

Negli anni ‘50, con il boom economico, le aziende si pongono il problema dell’economia di scala e l’eau de toilette entra nelle case di tutti. Iniziano quindi a nascere e a crescere l’importanza dell’igiene e l’educazione al detergersi e al profumarsi. Attenzione, bisogna sottolineare la grande differenza fra il deodorare e il profumarsi, grande errore di chi pensa di utilizzare il deodorante come sostitutivo del profumo. Sottrazione di odore cattivo rispetto a immissione di odore gradevole …
Sappiamo che le nostre Nonne o Bisnonne utilizzavano le essenze, motivo per cui, aprendo alcuni bauli, a distanza di decenni si sentono ancora gli effluvi delle loro fragranze preferite.

Quindi è un luogo comune assolutamente poco credibile che i profumi non abbiano più persistenza. Basta utilizzare le essenze, per definizione molto concentrate, se si desidera una persistenza.

I Profumi sono composti essenzialmente da acqua distillata, alcool e una serie di molecole che costituiscono l’anima del profumo. Questo concentrato di molecole, che costituisce il cuore del profumo, è presente in quantità maggiore nell’essenza, a scalare nell’eau de parfum, quindi nell’eau de toilette, quindi nell’eau de cologne. Le colonie si trovano sul mercato anche sotto il nome di “Splash” o acque profumate, sono leggere e possono tranquillamente essere utilizzate anche al sole.

Bisogna fare attenzione quando si acquista il profumo: la differenza fra essenza, eau de parfum, eau de toilette e colonia è molto grande. Ci sono dei componenti più volatili che è necessario fissare con delle note olfattive più pesanti utilizzate per “ancorare” sulla pelle la fragranza quindi capita talvolta che la differenza di queste note olfattive fra le diverse tipologie dello stesso “profumo” sia motivo di malinteso: quando si spruzza uno piuttosto che l’altro sulla pelle risultano differenti e le persone tendono a rimanere deluse.

I profumi sono tutta chimica.
In questo mondo “green” capita spesso che ci si senta dire che “i profumi non sono più quelli di un tempo e ora sono tutta chimica”. In effetti Mitsouko è stato “costruito” nella prima parte del novecento e se non ci fosse stata la chimica non esisterebbe, come non esisterebbe Chanel n°5 .

profumoBisogna sapere che chi ha voluto costruire un profumo ha sempre guardato alla natura e ha cercato di “rubare” alla natura l’impossibile: le foglie, i muschi, i licheni, i frutti…
Nella frutta, gli agrumi possono essere rubati alla natura ed estratti in modo naturale attraverso la spremitura delle bucce. Ma tutti gli altri odori della frutta, tra l’altro molto à la page negli ultimi anni, non possono essere estratti in modo naturale, in quanto la frutta si ossida troppo rapidamente e non ha la tenuta necessaria per la lavorazione in profumeria.
Bisogna quindi sapere che sempre, ogni volta che in un profumo c’è una nota fruttata, questa è dovuta alla chimica. Chimica che va rivalutata in tutti i sensi e che consente tra l’altro di dare la stabilità al profumo.
E bisogna fare attenzione: se un luogo comune, come si diceva, è che i profumi non sono più quelli di una volta, bisogna ricordare che un profumo che ha un’origine strettamente naturale è molto probabile che cambi, perché le condizioni naturali stesse cambiano.
Una pianta, una rosa del 2017 non potrà mai essere la stessa di una del 1960 né di una del 2025. Esattamente come l’uva e il vino. Quindi, nel naturale il profumo cambierà molto, ma ogni volta che la chimica ci aiuterà a stabilizzarlo noi avremo sempre il nostro profumo “di sempre”…

La chimica nella profumeria, quindi, non deve spaventarci e non è da demonizzare nella maniera più assoluta.

 

Naturalmente da Profumerie Sbraccia potete trovare profumi di tutti marchi!

Seguiteli anche su Facebook  per essere sempre aggiornati!

 

 

Mariangela G.
Mariangela G.
Wedding end Event Planner

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.