Ravioli
I Ravioli di Porcini del Pastaio Salvatore: una gioia per chi ama il vino!
settembre 1, 2020
La Storia della Panissa
La Storia della Panissa ce la fa gustare il Pastaio Salvatore!
settembre 9, 2020

Capponadda alla ligure

1 Ingredienti

  • 4 gallette da marinaio
  • 75 gr di bottarga
  • 3 acciughe salate
  • 150 gr di tonno sottolio
  • 30 olive Taggiasche
  • 3 o 4 uova sode (facoltativo)
  • 1 cipolla di Tropea

  • 1 cucchiaio di capperi dissalati
  • 3 o 4 pomodori maturi e sodi
  • 150 gr di fagiolini senza filo freschi o surgelati
  • 1 bicchiere di aceto bianco
  • 1 bicchiere di olio evo
  • Acqua qb
  • Sale qb


2 Tempo di preparazione: 30 minuti

3 Tempo di cottura:

4 Procedimento:

Lavate i fagiolini, eliminatene le estremità, tagliateli in 2 pezzi, cuoceteli al dente in acqua salata e poi scolateli.

Pulite le acciughe, levate loro lisca e coda, lavatele, mettetele a bagno in acqua fredda  per circa 15 minuti, asciugatele con carta da cucina e fatele a pezzetti.

Affettate sottilmente  la bottarga.

Fate cuocere le uova fino a quando saranno ben sode, passatele sotto l’acqua fredda, sgusciatele e tagliatele a spicchi.

Sbucciate la cipolla, lavatela, asciugatela e affettatela sottilmente.

Lavate, asciugate i pomodori, levate loro i semi e tagliateli a fette o a pezzi.

Spezzate le gallette del marinaio, mettetele in una ciotola, bagnatele con una miscela composta con 1 parte d’acqua e 1 di aceto bianco e, una volta che saranno ammorbidite al punto giusto (non devono risultare mollicce, ma rimanere ancora un po’ croccanti), scolatele del liquido eccedente.

Prima di spezzettarlo grossolanamente con le mani, scolate molto bene anche il tonno dal suo olio.

Prendete una terrina o insalatiera capiente e trasferiteci dentro tutti gli ingredienti, olive  e capperi compresi.

Girate il tutto con un cucchiaio di legno, condite con olio extravergine di oliva, aceto bianco a piacere, sale e mescolate ancora affinché la caponata si amalgami bene e in modo omogeneo, va lasciata riposare almeno 1 ora, per permettergli di insaporirsi bene, può essere servita fresca di frigo o a temperatura ambiente.

A cura di: Laura Gambardella

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.