La Samp fa bene un tempo, il Genoa gioca a non prenderle (e le prende)
dicembre 15, 2020
quagliarella samp
Genoa, la grande illusione. La Samp ritrova Quagliarella
dicembre 21, 2020

Genoa: sogno o son Destro? Samp corsara a Verona

Genoa destro

Genoa: sogno o son Destro? Samp corsara a Verona

Cari lettori e care lettrici del Blog di zia Mariangela,

Visto che nel weekend Genoa e Samp non vincono mai, per fare punti ci è voluto il turno infrasettimanale…

Battute a parte, finalmente le genovesi sono tornate a smuovere la classifica contro avversari difficili: Verona-Samp termina 2-1 per i blucerchiati, il Genoa pareggia 2-2 con il Milan.

Partiamo dai vincitori … La Samp ritrova la vittoria dopo le sconfitte contro Milan e Napoli e lo fa sfruttando in maniera cinica le poche occasioni avute.

Non un demerito, dunque, quello di essere stati poco pericolosi, ma al contrario una vittoria conquistata con gli artigli dagli uomini di Ranieri che sono arrivati alla partita letteralmente decimati.

Praticamente, mancava tutto l’attacco: con Quagliarella, Gabbiadini e Keita infortunati e l’esclusione dell’esterno Candreva, la Samp è riuscita a concretizzare due opportunità con Ekdal e Verre (che forte questo ragazzo). Una vittoria di squadra che fa tanto morale.

La partita di Genova tra Genoa e Milan, invece, ha solo un eroe: Mattia Destro, il tanto vituperato Destro che, in effetti, nell’ultima stagione in rossoblu aveva deluso le aspettative.

E invece mercoledì, schierato a sorpresa dal primo minuto (forse la mossa della disperazione di mister Maran) ha dimostrato di essere tornato, almeno per 90 minuti, agli antichi splendori di quando giocava nella Roma e – ironia della sorte – proprio nel Milan.

Un attaccante reattivo, capace in area e forte nel gioco aereo, capace di imbrigliare la difesa della capolista di Serie A. Due gol dell’ex e tanto lavoro sporco per la squadra, che porta a casa un preziosissimo punto in chiave salvezza. Il migliore in campo di Genoa-Milan ha solo un nome e un cognome. Bravo, e ben ritrovato, Mattia Destro!

A cura di Tommy Imperato