Paolo Rossi
Il mondiale ’82, i nostri vent’anni… ciao, Pablito!
dicembre 11, 2020
Genoa destro
Genoa: sogno o son Destro? Samp corsara a Verona
dicembre 18, 2020

La Samp fa bene un tempo, il Genoa gioca a non prenderle (e le prende)

La Samp fa bene un tempo, il Genoa gioca a non prenderle (e le prende)

Cari amici e amiche del Blog di zia Mariangela,

eccoci a commentare l’ennesimo weekend nero per le genovesi. Ormai, più che un appuntamento settimanale sul calcio ligure, questa rubrica sta assumendo le sembianze di una commemorazione ai caduti, o meglio alle cadute di Genoa e Samp.

I tifosi blucerchiati possono almeno consolarsi con un primo tempo gagliardo giocato dagli uomini di Ranieri: il vantaggio di Jankto, tutto sommato, non è poi così immeritato e fa andare a riposo la Samp sull’1-0. E’ il secondo tempo che è da dimenticare: Gattuso fa due cambi, Lozano e Petagna, che si rivelano determinanti. Gol di Lozano e poi Petagna su assist proprio del messicano, che ha letteralmente annientato Augello per tutta la ripresa. Una sconfitta amara ma da cui, almeno, c’è qualcosa di buono da conservare per il futuro.

Cosa c’è invece da conservare, in casa Genoa, dopo una sconfitta del genere contro la Juventus? Sia chiaro, nessun tifoso si sarebbe aspettato di fare punti contro i campioni d’Italia in carica. Ma l’approccio del tecnico Maran alla partita è stato di quelli da dentro o fuori: ha deciso di non giocare, se non a difendersi 90 minuti, sperando di portare a casa un punticino. Se per caso ci riesci (perché di caso si tratta), hai ragione tu, mister. Ma se non ci riesci (e guardacaso così è successo) hai letteralmente buttato via 90 minuti. Perchè di questo Genoa-Juve non rimangono i punti e tantomeno la prestazione. Si è perso giocando male. Anzi, non giocando!

A confermare il weekend nerissimo per le liguri in generale, anche lo Spezia perde fragorosamente per 4-1 contro il Crotone.

Che altro dire… c’è da lavorare!

A cura di Tommy Imperato