W il 26 aprile
W il 26 aprile!!!
aprile 23, 2021
25 aprile
25 aprile
aprile 25, 2021

Vi porto a Cena con Leonardo

Vi porto a Cena

Vi porto a Cena con Leonardo

Vi porto a CenaDitemi amici di Mariangela, conoscevate la “vena” gastronomica e organizzativa di Leonardo da Vinci?

Quel “gran genio” di Leonardo, ci ha lasciato numerosi appunti gastronomici che dimostrano la sua perizia, la sua golosità, la sua voglia di sperimentare e innovare anche nei cibi e nei banchetti.

E siccome come ben sapete, io mi occupo di cultura, arte e gastronomia, con questo articolo ci vado a …nozze. Proprio come quelle che “Leo” organizzò per Giangaleazzo Sforza e Isabella di Aragona, nel 1489 a Tortona, d’altronde a quei tempi Mariangela Guido … non c’era ancora!!!Vi porto a Cena

Si dice che a Firenze si divertisse con Botticelli a inventare nuovi menù presso lOsteria delle tre ranocchie, da loro gestita.

A Milano progettò surreali macchinari per la cucina, come la “macchina per spennare la papere” per “tagliare il maiale a cubetti”, lo schiaccia aglio e il primo girarrosto automatico.

Lo sapevate che è stato Leonardo ad inventare i tovaglioli? Aveva profondo senso artistico nell’attenzione alla presentazione dei cibi, un precursore della “nouvelle cuisine” insomma.
Ma quali erano i suoi cibi preferiti? Uova, acciughe e rape. Sempre abbondanti le spezie, pepe, Vi porto a Cenacoriandolo, zenzero, cannella zafferano.

Durante l’evento “Visioni Impossibili” al Museo Nazionale della Scienza e della Tecnologia di Milano, nel 2012 dove ho personalmente collaborato, mi affascinò “navigare all’interno “ del suo capolavoro L’Ultima Cena , “ un incontro ravvicinato” con la Cena più famosa al mondo: sulla tavola apostolica scoprii tranci di anguilla, spiedini di anguilla con fette d’arancia, la melagrana, (nel piatto davanti a Cristo), oltre a pane e vino rosso.

Ma la vera sorpresa la trovai osservando i tre festoni trionfali sovrastanti la scena: erbe, rami e foglie, traboccanti della più varia frutta: pere, arance, mele cotogne, pesche, more di gelso, ghiande e datteri.

Provate anche voi:

https://www.haltadefinizione.com/visualizzatore/opera/ultima-cena-leonardo-da-vinci

Buon divertimento!

A cura di: Laura Gambardella

2 Comments

  1. Cinzia ha detto:

    Articolo curioso e molto interessante!!! Viene solo che voglia di approfondire l’argomento….

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.